Come si arriva a Roccabianca

Per raggiungere Roccabianca provenendo da Parma, dopo aver passato prima Viarolo e poi San Secondo, si prosegue per la “Provinciale 10 – Parma-Cremona”: il benvenuto nel comune viene dato dall’abitato di Fontanelle, “patria” di Giovannino Guareschi, Giovanni Faraboli e Pietrino Bianchi. Il “portico vegetale” del viale alberato a tigli introduce nel cuore del paese, verso i principali luoghi legati alla memoria dei tre uomini illustri.
L’alberatura a tigli rappresenta un “liet-motiv” naturalistico di diverse strade del territorio comunale: mantenendosi infatti sulla provinciale, si incontra di seguito, sulla destra, l’altro lungo viale alberato che fa da ingresso a Roccabianca. Imboccando il viale si giunge dopo un paio di chilometri al centro storico del paese, con la quattrocentesca Rocca dei Rossi, la bella piazza porticata che le fa da contorno (risalente al 1700) e la chiesa parrocchiale dedicata ai Santi patroni Bartolomeo e Michele (edificata nel 1576).
Continuando a seguire il percorso tracciato dai tigli, si raggiunge invece Stagno con il suo affaccio sul Po dai notevoli pregi paesaggistici.
I visitatori provenienti da Cremona o da Fidenza sono accolti invece dalla frazione di Ragazzola, con la sua antica corte rurale delle “Giare” ed il suo Teatro, protagonisti negli anni recenti di un interessante rilancio culturale, grazie a manifestazioni, concerti, mostre e spettacoli in essi ospitati.
Da Cremona, la direzione da prendere è quella per Sospiro e quindi per San Daniele: ad Isola Pescaroli si attraversa il ponte “Verdi” sul Po, incontrando poi Ragazzola appena al di là del fiume. Da Fidenza, si deve invece passare per Soragna e Diolo, fino ad incontrare Ragazzola all’incrocio con la provinciale “Parma-Cremona”.

Visualizzazione ingrandita della mappa